Carissime Colleghe e carissimi Colleghi,

nel darvi il mio più caloroso benvenuto al 58° Congresso Nazionale della nostra prestigiosa Società, non posso esimermi dal ricordare che, nonostante la devastante pandemia che ci ha duramente messo alla prova, siamo riusciti nell’ultimo Congresso a creare, grazie alla collaborazione di tutti, un evento che, per quanto virtuale, ha consentito di mantenere un altissimo livello qualitativo dal punto di vista scientifico.

Dobbiamo ora guardare avanti e pensando al prossimo 58° Congresso della nostra Società si è ritenuto possibile un’organizzazione ibrida dello stesso con una presenza limitata ad 800 persone. I partecipanti che non potranno presenziare a Rimini avranno comunque la possibilità di interagire con la faculty, attraverso la piattaforma dell’evento, contribuendo ad animare e stimolare la discussione delle varie sessioni.

Il programma del prossimo Congresso delineato dal Consiglio Direttivo ricalca lo schema già sperimentato con successo negli anni passati, con una parte iniziale e finale caratterizzata da Hands-on e Review Course dedicati agli aspetti più concreti della nostra pratica assistenziale che inevitabilmente sconfina spesso verso interessi specialistici anche multidisciplinari e che rappresentano, come ho sempre pensato, uno dei valori aggiunti più interessanti ed affascinanti della Reumatologia.

Sulla scia della creazione dell’Istituto di Storia della Reumatologia sostenuta dalla SIR, la sessione inaugurale includerà una lettura inaugurale del tutto nuova ed originale, che spero possa essere gradita anche dai più giovani. Essa ripercorrerà i punti più salienti della storia della nostra disciplina che, avendo fornito spesso contributi fondamentali allo sviluppo della Medicina moderna, rappresentano motivo di orgoglio per tutti i Reumatologi.

Come di consueto ci saranno sessioni scientifiche che toccheranno un po’ tutte le patologie reumatologiche di maggiore rilievo, con spazio dedicato ad aggiornamenti sugli aspetti più recenti clinico-diagnostici e terapeutici. Ampio spazio sarà poi dato, come al solito, alle presentazioni orali, incluse quelle in lingua inglese, ed all’esposizione dei poster con le quali si cercherà di fare il punto sulle attività di ricerca dei vari gruppi nazionali e, come ogni anno, avremo il piacere di premiare gli autori delle migliori presentazioni.

Sono state poi confermate ampie sessioni dedicate alle attività sia di For-RHeUMA, che riunisce tutti gli health professional che ruotano intorno al mondo della Reumatologia, che delle Associazioni dei pazienti, con i quali tutti noi condividiamo obiettivi comuni rivolti al paziente con patologia reumatologica.

Un pensiero infine lo vorrei rivolgere ai giovani, che rappresentano il nostro futuro ed un grande patrimonio che dobbiamo coltivare, ai quali si è voluto dare grande rilievo nelle diverse sessioni, non solo in quella dedicata a SIRyoung, e che, sono convinto, saranno i maggiori protagonisti delle presentazioni orali come accaduto negli ultimi anni.

Il mio augurio e quello di tutto il Consiglio Direttivo è che possiate trovare con tale evento l’occasione per un proficuo aggiornamento ed un fattivo confronto sia scientifico che professionale.

Roberto Gerli
Presidente SIR

Palacongressi di Rimini

Via della Fiera 23, 47923 Rimini

0 +
relatori
0 +
sessioni
0 +
partecipanti
0
hands on